Primo Maggio: una festa e l’ALBERO ERBARIO

Il 1 maggio in occasione della grande Festa organizzata dalla “Casa degli Artisti” di Sant’Anna del Furlo (Fossombrone) sarà esposto l’“Albero-Erbario”, uno degli ultimi lavori dell’artista Elisa Latini costituito da ben quattordici metri di “papiro” pittorico con impressioni botaniche.
Optando per la forma del rotolo come medium quanto nel nome, l’”Albero-Erbario” l’artista agisce una doppia citazione: l’una dei volumina papiracei di cui erano costituite in Antichità le biblioteche; l’altra degli Erbari medievali, antichi cataloghi di essenze arboree.
Come in ogni Erbario, viene dato un exemplum dell’essenza arborea e una spiegazione, ma ne l’ “Albero-Erbario” immagine e testo sono nuovi: l’anima del vegetale in incredibili elementi di dettaglio viene impressa tramite un complesso processo di stampa naturale e i testi sono le stesse parole di quello svelate nell’ atto creativo. L’intervento pittorico dell’artista è così guidato dall’esito che il vegetale prende nel processo e dallo stendersi del colore tra le trame del tessuto e le tracce di rami e foglie. Ogni pezzo è, così, irriproducibile; nasce dall’incontro alchemico di forze insondabili: la tintura vegetale, la reazione del colore, la passione dell’artista.
copertina cd
In particolare, il rotolo proposto il primo maggio permette di ammirare sia i sette metri proposti al Centro “Domo Ruka” di Vilches, Talca del Cile per un gemellaggio interculturale sia altri sette metri di impressioni botaniche inedite.
Non a caso, infatti, si è optato per essenze arboree che hanno in entrambi i territori un ruolo di primaria importanza: piante del quotidiano, terapeutiche o aromatiche, si vuole, ovviamente, trovare consonanze tra culture solo geograficamente lontane: un patrimonio vegetale comune è già di per sé un’incredibile occasione per tracciare anche altri legami, forse riposti più in profondità, ma che ci scoprono figli di un’unica Terra.
Il risultato di un impianto teorico così ambizioso è un’opera in cui il senso è in mirabile equilibrio tra simbologie ancestrali e gl’ armonici esiti del caso, capace di suscitare echi profondi in chiunque sia alla ricerca o in ascolto.

Testo di

Eleonora Latini

46a Rielaborazione grafico pittorica dell'elaborato QUERCIA PARTICOLARE

Written by

Elisa Latini

Elisa Latini pittrice e scultrice

No Comments Yet.

Leave a Reply

Message